Diventare piastrellista, ecco il percorso di studi

L’artigiano, si sa, è un artista, e tra gli artisti della casa vi sono sicuramente i piastrellisti una figura professionale apparentemente di secondo piano, ma in realtà fondamentale per la perfetta riuscita di un progetto edile.

Cosa fa un piastrellista

ROSONE BECCACCIAPer realizzare pavimenti e rivestimenti perfetti serve tutta la professionalità di un piastrellista, una persona specializzata nella posa di piastrelle per i pavimenti o rivestimenti per il bagno. Un piastrellista è capace di creare delle pavimentazioni semplici, ma anche complesse, creative, o anche veri e propri mosaici in grado di esaltare ogni ambiente della casa, di un ufficio, o di un esercizio commerciale.

Un piastrellista esperto sa distinguere i manufatti migliori, sa consigliare il tipo di piastrelle o rivestimenti adatti al progetto cui partecipa, sa essere un consulente, proponendo disegni particolari. Ad esempio per un bagno può proporre di esaltare uno specchio contenitore  o un mobile in legno attraverso un rivestimento fatto di composizioni con venature e linee particolari. Molteplici sono le rappresentazioni che è possibile creare con le forme, i motivi e i colori di un rivestimento, ma solo un piastrellista esperto è capace di decorare e rendere una casa un’opera unica.

Diventare piastrellista

Come in tutti i lavori per diventare un ottimo piastrellista bisogna avere innanzi tutto l’attitudine. Questa figura professionale deve avere doti di progettazione, di creatività, di cura dei particolari e di sacrificio al lavoro. Non si diventa piastrellista da un giorno all’altro, occorrono anni di attività. Molti sono i corsi professionali che insegnano la materia, basta fare una ricerca on line per rendersene conto, e sicuramente non è facile districarsi nell’ampio ventaglio di scelte offerte.

Sicuramente i corsi più interessanti sono quelli avanzati, che già presumono una competenza ben sviluppata. Le imprese di ceramiche lanciano spesso sul mercato nuove e innovative tipologie di piastrelle e di mosaici, molte delle quali richiedono tecniche particolari di messa in posa o utensili di nuova generazione.Ad esempio alcune imprese stanno spingendo sul mercato ceramiche di grande formato, da un metro per tre, e anche oltre. Posare queste lastre di gres porcellanato con le tecniche classiche sarebbe molto complicato e addirittura rischioso. I corsi di aggiornamento avanzati consentono allora di imparare le nuove tecniche studiate appositamente per i nuovi materiali, e l’utilizzo di strumenti creati in esclusiva per queste tecniche.

Un piastrellista moderno, quindi, non è il tipico operaio che eravamo abituati a conoscere, ma un professionista che si aggiorna costantemente, che impara nuove tecniche, usa utensili e prodotti di nuova generazione affinché il prodotto del suo lavoro sia perfetto.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *